before the flood

"Il cambiamento climatico minaccia la pace conquistata a fatica per miliardi di persone. Oggi dobbiamo mettere il mondo su un percorso obbligato. È una questione determinante della nostra epoca, del nostro presente. La nostra risposta definirà il nostro futuro. Questo è il motivo per cui siamo qui oggi. Abbiamo bisogno di una visione chiara. Il costo umano, ambientale e finanziario dei cambiamenti climatici sta diventando insopportabile sempre più rapidamente" Ban Ki-moon, Climate Summit 2014

Punto di non ritorno ...

Before the Flood è un viaggio intorno al mondo per raccontare come il riscaldamento globale sta cambiando la Terra, quali sono state le sue cause e che cosa possiamo ancora fare per ridurne gli effetti. DiCaprio nel suo viaggio incontra scienziati, capi di stato, imprenditori e personaggi politici dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama al segretario di Stato americano John Kerry, Elon Musk e papa Francesco. Leonardo DiCaprio negli ultimi anni si è dedicato molto ai temi dell'ambiente anche con la sua fondazione, che ha avviato diversi progetti per la tutela degli ecosistemi e per divulgare le notizie sul cambiamento climatico. Il documentario ha inizio con questa immagine .... 

LA VENDETTA DI GAIA Per millenni abbiamo vissuto con la strategia del parassita, ai danni dell'organismo vivente che ci ospita. Ora, assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Il parassita e' un essere che vive a spese di un altro organismo, se ne nutre, cresce, si riproduce e prospera. Eppure, la sua non e' una strategia lungimirante. Le energie dell'organismo ospite diminuiscono giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto. Finche' un giorno accade l'inevitabile: l'organismo ospite si avvia a una fine certa. E il parassita, senza risorse, e' destinato a scomparire. Questa immagine e' la perfetta metafora della storia della specie umana. A dimostrarlo sono i fatti. Migliaia di anni di occupazione del pianeta hanno provocato distruzione degli habitat, estinzione di molte specie, emissioni record di gas serra in atmosfera e nubi di polveri sottili nell'emisfero nord e sulle metropoli. Un'aggressione prolungata alla quale la Terra ora reagisce innescando una lunga serie di disastri naturali, quali inondazioni e uragani, sempre piu' numerosi e violenti, ed eventi climatici estremi, come estati torride e punte di freddo anomalo. Il pianeta che abitiamo non ha piu' anticorpi per difendersi. E allora attacca. Lo sostiene a gran voce uno scienziato autorevole e indipendente, James Lovelock, nel suo libro, The revenge of Gaia (La vendetta di Gaia) : il nostro mondo, potrebbe avere superato il punto di non ritorno: la soglia oltre la quale non possiamo fare piu' nulla per evitare che, entro la fine del secolo, i cambiamenti causati dall'attivita' umana distruggano la nostra civilta'. Lovelock e' il biofisico inglese che nel 1979 mise a punto una teoria innovativa, destinata a enorme successo: il nostro pianeta e' una sorta di organismo vivente, Gaia, dal nome della dea Terra degli antichi greci. Un sistema in grado di autoregolarsi e mantenere il suo naturale equilibrio. Cosi' come non possiamo capire il funzionamento di un corpo umano esaminando separatamente i vari organi, allo stesso modo non possiamo comprendere i mutamenti planetari se studiamo le componenti fisiche e biologiche della Terra trascurandone le relazioni reciproche. La teoria all'epoca suono' quasi rassicurante: sembrava possibile qualunque attivita' umana, tanto Gaia sapeva come cavarsela. Non era cosi' semplice, ovviamente. Man mano che le conoscenze dei rischi planetari aumentavano, Lovelock ha sempre piu' sottolineato che i nostri comportamenti potrebbero perturbare Gaia profondamente, spingendola verso un nuovo equilibrio che non prevede la vita umana: la fine dei parassiti. Le emissioni di gas serra in atmosfera hanno superato le 380 parti per milione, e nel suo saggio, Lovelock annuncia un futuro decisamente cupo: «Prima che il secolo sia finito, miliardi di noi moriranno e i pochi sopravvissuti vivranno nell'Artico, almeno li' il clima sara' tollerabile». Nel capitolo «Forecasts for the XXI century» (Previsioni per il XXI secolo) Lovelock espone la lucida analisi dei fatti che lo spingono a queste previsioni. In pratica, una lista delle ferite inferte a Gaia. «Sono abbastanza sicuro che quando raggiungeremo la soglia di 500 parti per milione di anidride carbonica in atmosfera assisteremo a cambiamenti climatici che sconvolgeranno il mondo» scrive Lovelock. «A questo ritmo, succedera' entro i prossimi 40 anni: non credo che Stati Uniti, India e Cina taglieranno le loro emissioni in tempo».

Al momento l'atmosfera contiene piu' di 380 parti per milione di anidride carbonica contro le 280 del 1750. L'80 per cento di questo aumento dipende dall'uso dei combustibili fossili e dalla deforestazione. Insieme a metano (piu' che raddoppiato nello stesso periodo) e vapore acqueo, l'anidride carbonica assorbe la radiazione solare riflessa dalla Terra e la riemette verso la superficie terrestre: quello che chiamiamo l'effetto serra. «Un rischio gravissimo» continua Lovelock. «Se la temperatura globale aumentera' di altri 2,7 gradi, i ghiacciai della Groenlandia non saranno piu' stabili e continueranno a sciogliersi anche se riuscissimo a diminuire la temperatura».

Per non parlare del ghiaccio artico. Lovelock ricorda una ricerca del settembre 2005, secondo cui lo scioglimento e' cosi' rapido da far pensare che potremmo aver gia' passato un punto critico: «Entro fine secolo potremo raggiungere il Polo Nord con una barca a vela. Ma a quel punto il ghiaccio artico non riuscira' piu' a fungere da aria condizionata del pianeta». Infatti il mare scuro che sostituira' il ghiaccio assorbira'! l'energia solare, accelerando lo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia. «Sono considerazioni cui dobbiamo prestare orecchio» commenta Gianfranco Bologna, direttore scientifico del Wwf Italia, esperto del governo italiano alla conferenza Onu su ambiente e sviluppo di Rio de Janeiro. «Lovelock ha dato uno straordinario contributo alle scienze del sistema Terra, dimostrando sempre indipendenza di giudizio». I ghiacci artici si sono ridotti ormai di circa il 40 per cento. Per esempio, non ha mai assunto posizioni pregiudiziali e si e' attirato le ire di molti ambientalisti dichiarandosi favorevole all'uso di energia nucleare. Non solo. «Nelle ultime decadi» precisa Bologna nel suo Manuale della sostenibilita' «si e' verificato un calo del 40 per cento nello spessore dei ghiacci artici nella tarda estate-inizio autunno, e un considerevole declino dello spessore dei ghiacci invernali». Non bastasse, il secolo scorso ha visto il ritirarsi dei ghiacci montani e una riduzione del 10 per cento della copertura nevosa. Tutto cio', unito alla dilatazione termica del mare (perche' c'e' piu' caldo), ha alzato il livello globale dell'acqua di 10-20 centimetri. E in futuro molte citta' saranno inghiottite dall'acqua. «Siamo stati sfortunati: l'incremento dell'anidride carbonica coincide con un aumento del calore irradiato dal Sole di circa il 25 per cento rispetto a quando la vita e' iniziata. E questo corrisponde a una risalita delle temperature superficiali di circa 20 gradi» avverte Lovelock. Sull'emisfero nord, inoltre, pesa una cappa di polveri sottili, effetto del traffico automobilistico e della produzione industriale. Da un lato questa nube inquina, dall'altro fa pero' da schermo alla radiazione solare: «La nube ha l'effetto di raffreddare il pianeta. Ma potrebbe svanire come effetto di un calo improvviso della produzione industriale. In tal caso si avrebbe un ulteriore riscaldamento del pianeta, con effetti sconvolgenti». Insomma, lo scenario sarebbe persino peggiore del previsto, perche' finora fenomeni come la nube di polveri sottili non sono stati presi in considerazione nei modelli dei climatologi. Un'altra di queste variabili e' il ruolo delle alghe oceaniche. Che significa? Secondo Lovelock, l'aumento dell'anidride carbonica fino a 500 parti per milione fara' diminuire fortemente l'area dell'oceano ricoperta da alghe. E siccome le alghe assorbono anidride carbonica, quest'ultima salira' ancora di piu'. E sul pianeta fara' sempre piu' caldo. «Quelli citati da Lovelock sono esempi di eventi planetari che hanno effetti amplificati» spiega Bologna. Si chiama anche effetto canoa: se ci si piega in maniera graduale da un lato la canoa si inclina sempre piu', ma appena si supera una certa soglia, la canoa si ribalta. Oltre il 10 per cento della foresta amazzonica e' stato ormai distrutto da incendi dolosi e disboscamenti, per ricavare strade e aree agricole. A rendere Lovelock cosi' pessimista e' il timore che questi fenomeni siano stati sottostimati. E cita la distruzione delle foreste. A causa della loro scomparsa, potrebbe rompersi il ciclo biologico del carbonio tra piante, animali e ambiente. Riccardo Valentini, direttore del dipartimento di scienze forestali all'Universita' della Tuscia e coordinatore del progetto Carboeurope, dice: «L'uomo sta perturbando questo ciclo, perche' immette sempre piu' anidride carbonica. Abbiamo molti motivi per preoccuparci. Se la temperatura media salisse di oltre 2 gradi potrebbe sciogliersi l'intero permafrost, il territorio perennemente ghiacciato della Terra. Il carbonio degli organismi vissuti in epoche precedenti e intrappolati nel ghiaccio verrebbe trasformato dai batteri e rilasciato nell'atmosfera. Un disastro». La vendetta di Gaia contro il parassita uomo non si fermerebbe qui: per colpa del surriscaldamento, gli incendi potrebbero allargarsi a macchia d'olio, e uragani e alluvioni divenire molto frequenti. L'eccezionale intensita' dell'uragano Katrina conferma una tendenza degli ultimi 35 anni: l'aumento della violenza dei cicloni legato a quello della temperatura superficiale degli oceani. A farci superare il punto di non ritorno sara', infine, l'aumento della popolazione mondiale: raggiungeremo probabilmente i 9 miliardi di abitanti entro il 2050. La diminuzione di fertilita' e l'aumento della longevita' porteranno al livello minimo il ricambio generazionale. Paul Crutzen, premio Nobel, ha proposto di definire «era dell'Antropocene» il periodo geologico iniziato con la rivoluzione industriale: «Siamo diventati una forza geologica in grado di modificare l'aspetto globale della Terra». Ma non ne abbiamo preso coscienza. Il protocollo di Kyoto prevede una riduzione delle emissioni modesta: il 5,2 per cento entro il 2008-2012. Dopo molte difficolta', s! oprattutto per l'opposizione degli Stati Uniti, il protocollo e' entrato in vigore il 16 febbraio 2005. Ma anche solo per stabilizzare la concentrazione di anidride carbonica in atmosfera occorrerebbe ridurre le emissioni del 70 per cento. Molti anni fa, in un intervento pubblicato su un libro intitolato L'ipotesi Gaia (Red Edizioni), Lovelock scriveva: «Il messaggio ottimistico e' che l'evoluzione di Gaia sembra dipendere dall'attivita' dei singoli organismi. Se queste sono favorevoli al sistema, gli organismi prosperano, altrimenti sono condannati». In biologia c'e' una strategia che si rivela piu' efficiente del parassitismo: si chiama «commensalismo», quando il parassita trae vantaggio dall'ospite senza pero' danneggiarlo. E' davvero troppo tardi per adottarla? 

Studio Tecnico der Architektur, Via Piero Gobetti 6, 27011 Belgioioso (Pv) , +39 335.8257397 +39 340.4025868  info@startup110.it
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis! Questo sito è stato creato con Webnode. Crea il tuo sito gratuito oggi stesso! Inizia